Cos’è una squeeze page e a cosa serve

La squeeze page è una pagina cattura mail ed è un ottimo strumento di marketing a risposta diretta, oserei dire uno dei strumenti migliori per fare lead generation.

La squeeze page serve a creare una lista di potenziali clienti, una sorta di tesoretto prezioso che al momento opportuno verrà tirato fuori dalla cassaforte per farlo fruttare economicamente.

Chi non vorrebbe aumentare il suo conto in banca? Le aziende che vogliono aumentare il fatturato devono pensare seriamente a quali siano le modalità migliori per generare una lista di contatti e aumentarla nel corso del tempo.

 

Il motivo sta nel fatto che difficilmente una persona che visita un sito web acquisti la prima volta un prodotto o contatti l’azienda per richiedere un servizio o una consulenza, secondo alcune statistiche il 50% di chi compra un prodotto o servizio non lo acquista durante la prima visita effettuata sul sito web visitato.

Questo dato ci fa ben capire perché sia necessario trovare un modo per catturare l’interesse del visitatore senza vendergli nulla ma per poterlo successivamente “corteggiare” e coltivare il suo interesse.

Forse hai già sentito la frase “the money is in the list“? Ebbene è proprio così grazie ad una lista di contatti diventa possibile quello che altrimenti sarebbe molto più difficile…generare più fatturato e profitto.

In questo articolo ti spiegherò i metodi per creare una squeeze page e come utilizzarla a tu vantaggio.

Squeeze page cattura mail o cattura contatto

La squeeze page viene realizzata con il preciso obiettivo di farsi rilasciare la mail. Si può definire anche la pagina di atterraggio sulla quale far convergere uno specifico target di persone potenzialmente interessate ad un messaggio pubblicitario sponsorizzato su Google Ads o con le Ads di Facebook.

Una volta atterrate sulla squeeze page verrà chiesto al visitatore di fornirci i suoi dati per essere ricontattato.

Non vanno confuse con le landing page di cui ti parlerò in un prossimo post. Fissa solo questo concetto nella tua mente:

La squeeze page non deve avere l’obiettivo di vendere qualcosa o spiegare i dettagli di un servizio o di un prodotto, ma solo ed esclusivamente quello di farti rilasciare la mail del visitatore.

So cosa stai pensando…Ok ma come faccio a farmi rilasciare la mail se non mi prodigo a spiegare all’interno della pagina quel che ho da offrire?

La domanda è pertinente e quindi ora ti spiegherò quali elementi fondamentali deve contenere.

Cosa deve contenere la squeeze page?

Premesso che non parliamo di una pagina di vendita dove devi fornire tutti i dettagli, garanzie, benefici di un prodotto o servizio, la squeeze page non deve essere lunghissima ma deve contenere alcune cose fondamentali che ora ti illustro.

Lunghezza della pagina

Come già anticipato sopra la squeeze page deve essere essenziale. Cosa significa? Che al suo interno ci deve essere solo quello che serve realmente al visitatore. Il messaggio deve essere chiaro e diretto. Ecco un esempio molto semplice che ho elaborato poco fa.

Una squeeze page corta converte maggiormente perché il visitatore non deve fare lo scroll della pagina per vedere il contenuto del messaggio e il form di iscrizione.

Ricorda che l’utente medio è pigro e se deve fare lo scroll della pagina più di una volta è probabile che non converta.

Occorre riflettere anche se valga la pena mantenere la visibilità del menu di navigazione. Il menu potrebbe distrarre il visitatore e indurlo a visitare altre pagine piuttosto che rilasciare la sua mail.

Non inserire link che rimandino ad altri siti o altri elementi di distrazione. L’utente deve essere focalizzato esclusivamente sul tuo messaggio.

Per vedere l’esempio reale clicca sul pulsante qui sotto.

Il titolo o headline

Il titolo va curato in modo particolare perché deve catturare l’attenzione di chi lo legge e deve spingerlo in primo luogo a permanere sulla pagina e ad agire lasciando il suo contatto.

Il lead magnete

Un magnete serve ad attirare giusto? Quindi cosa potrebbe essere il lead magnete? In sostanza si tratta di un regalo che tu offri a chi ti sta leggendo in cambio del suo indirizzo email.

Questo concetto si basa su una delle leve della persuasione molto ben spiegate da Robert Cialdini nel suo libro “le armi della persuasione“, il principio di reciprocità.

lead magneteDovrai quindi studiare bene il tuo target di utenti per capire cosa potrebbe interessarli al punto tale di rilasciarti la mail.

Potrebbe essere un eBook gratuito dove spieghi passo passo come risolvere un loro problema? Potrebbe essere una serie di video gratuiti dove mostrerai loro come eseguire nel dettaglio una determinata mansione?

Devi conoscere bene il tuo pubblico per creare un lead magnete o regalo irresistibile.

Mi raccomando è molto importante che il tuo lead magnete abbia un reale valore. 

Che si tratti di un ebook, una guida, un mini videocorso o altro devi realizzare contenuti davvero utili, interessanti e in grado di conquistare il visitatore che ti ha dato fiducia lasciando la tua mail.

Piuttosto che fare una cosa arrangiata o di poco valore meglio non fare proprio niente. Faresti solo una brutta figura e non daresti una buona immagine di te o della tua azienda.

Un form di iscrizione

La tua squeeze page dovrà contenere un form di iscrizione. Una volta che il visitatore ha letto il titolo.

Anche questo va curato bene e deve catturare l’attenzione con colori adatti e una call to action che spinga il lettore all’azione.

Di solito i programmi di mail marketing hanno dei template già preimpostati e che puoi personalizzare.

Quali dati richiedere nel form di iscrizione

Più dati chiedi meno converti. Statisticamente le pagine cattura mail che convertono di più hanno un form di contatto dove si richiede solo la mail o nome e email.

Se cominci a chiedere altri dati, forse anche dati sensibili abbasserai notevolmente il tasso di iscrizione. I dati da richiedere va valutato anche in base al tipo di target che vuoi ottenere. Magari preferisci meno richieste di iscrizioni ma di visitatori probabilmente molto interessati a ciò che proponi se sono disposti a fornirti dati più dettagliati.

Un sistema di mail markeging automatizzato

Prima ancora di realizzare la tua squeeze page devi registrati su un portale dedicato all’email marketing. In rete ne trovi diversi e trai i migliori ti segnalo:

  • Mailchimp
  • Mailgun
  • GetRespons
  • Mailup
  • ActiveCampaign

Questo passaggio è fondamentale perché ti permetterà di automatizzare il processo con un messaggio di benvenuto, invio del regalo e successive mail di follow up per curare l’interesse della tua lista.

Ora non entro nel dettaglio dell’argomento perché dedicherò un articolo specifico all’email marketing.

Approfondimenti

Prima di realizzare una squeeze page o pagina cattura mail ti consiglio di leggere alcune informazioni in merito alla persuasione. Ecco alcuni dei migliori libri su questo argomento. Ho selezionato per te 3 esperti affermati e dalla comprovata esperienza nel settore del web marketing e della lead generation.

Libri su MailChimp e email marketing

 

Lascia un commento